Tagliatelle al tartufo bianco di Acqualagna


tagliatelle al tartufo

Ingredienti:

  • tagliatelle di qualità (noi abbiamo utilizzato quelle di Campofilone)
  • burro di qualità
  • olio extravergine d’oliva
  • parmigiano reggiano grattugiato di qualità
  • tartufo bianco di Acqualagna a piacere

Preparazione:

  1. pulire accuratamente il tartufo dalla terra aiutandosi con un coltellino appuntito e un pennellino umido;
  2. scaldare in una padella un po’ di burro;
  3. cuocere le tagliatelle (circa 70 grammi a persona) in abbondante acqua bollente salata;
  4. scolarle al dente e saltarle per un minuto nella padella col burro fuso con uno o due cucchiai di acqua di cottura;
  5. condire se piace con una manciata di parmigiano grattugiato;
  6. impiattare e servire con scaglie abbondanti di tartufo bianco e un filo d’olio a crudo;
  7. non resta che gustare questa prelibatezza…buon appetito da viagenovaquaranta!

Tagliatelle zucca e scampi


In questa ricetta la dolcezza della zucca si sposa con il sapore di mare degli scampi in un connubio cremoso ma di sostanza, supportato in modo delizioso dal gusto fresco, sapido e morbido e dalle note agrumate del Soave Classico scelto in abbinamento.

tagliatelle di campofilone con gli scampi

Ingredienti:

  • zucca gialla, due spicchi grandi
  • scampi freschi, una decina
  • cipollotti, 3
  • un bicchiere di vino bianco
  • tagliatelle all’uovo fresche
  • olio evo, sale e pepe a piacere
  • prezzemolo

Preparazione:

  1. Pulire i cipollotti e tagliarli a rondelle sottili;
  2. mondare la zucca e tagliarla a julienne o a cubetti di 1,5 cm;
  3. lavare e sgusciare gli scampi e tagliarli a metà lasciandone però qualcuno intero con il guscio e la testa;
  4. mettere i cipollotti in un tegame con una cucchiaiata abbondante di olio extravergine d’oliva e farli dorare;
  5. aggiungere la zucca, farla saltare e rosolare per cinque minuti e mettere gli scampi;
  6. sfumare col vino e cuocere con coperchio per una decina di minuti;
  7. regolare di sale a piacere, ultimare la cottura per un paio di minuti;
  8. cuocere le tagliatelle al dente  in abbondante acqua salata, scolarle grossolanamente con un mestolo per spaghetti direttamente nel tegame;
  9. saltare le tagliatelle per due minuti al massimo e servire con una macinata di pepe nero e del prezzemolo tritato;
  10. buon appetito da viagenovaquaranta! 😀

Abbinamento: Soave Classico Monte Zoppega 2010 di Nardello (Garganega 100%); temperatura di servizio 12-14 °C.

Spaghetti ai ricci di mare


La parte commestibile dei ricci di mare sono le gonadi, la polpa arancione che spesso viene definita volgarmente “uova”. Questa polpa di colore arancione  tendente al rosso corallo viene consumata rigorosamente a crudo come antipasto o come condimento per gli spaghetti.

Ingredienti:

  • ricci di mare freschi (un bicchierino ogni due, tre persone)
  • spaghetti 70 grammi a persona
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • olio evo
  • pepe nero
  • uno spicchio d’aglio

Preparazione:

  1. preparare un soffritto con l’olio e l’aglio tritato finemente (oppure lasciarlo intero in modo da poterlo levare se i commensali non gradiscono);
  2. cuocere al dente gli spaghetti in acqua bollente salata;
  3. una volta cotti, scolare grossolanamente gli spaghetti e riporli in una terrina, aggiungere l’olio del soffritto e la polpa contenuta nei bicchierini;
  4. se serve aggiungere altro olio e mescolare fino a quando tutta la pasta sarà condita con la “cremina” rossa;
  5. a questo punto impiattare e cospargere col prezzemolo tritato finemente, spolverare con una macinata di pepe nero e servire con un filo d’olio crudo.
  6. buon appetito! 😀

Abbinamento: noi abbiamo abbinato a questo piatto delicato un Angimbé di Cusumano: Inzolia 70% e Chardonnay 30%.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: