Bigoli in Salsa (Bigoi in Salsa)


Oggi qui in viagenovaquaranta una ricetta tradizionale veneta: i bigoi in salsa! Un piatto tipico molto interessante che se preparato nel modo giusto riesce ad unire il gusto forte e deciso della sarda sotto sale con la dolcezza della cipolla bianca di chioggia in un matrimonio cremoso dal gusto unico e sorprendentemente delicato. I bigoli che abbiamo utilizzato sono quelli del pastificio Jolly Sgambaro; preparati con semolato di grano duro e con alle spalle 26 ore di essicazione a bassa temperatura. Gli ingredienti sono semplici e la preparazione altrettanto; anche se in origine veniva utilizzato l’olio di semi in questa ricetta useremo olio extravergine d’oliva. Ecco come abbiamo preparato i nostri bigoli in salsa.

Ingredienti:

  • olio extravergine d’oliva
  • 100 gr. di sarde sotto sale
  • una cipolla bianca di chioggia
  • 400 gr. di bigoli mori

Preparazione:

  1. mondare la cipolla e tagliarla a velo;
  2. metterla in un tegame con qualche cucchiaiata abbondante d’olio extravergine d’oliva e lasciarla andare a fuoco basso in modo che la cipolla non si dori velocemente ma appassisca dolcemente, se serve aggiungere un bicchiere d’acqua;
  3. pulire e lavare bene le sarde, deliscarle, levare il grosso delle spine e metterle un po’ in ammollo in una terrina piena d’acqua con un goccio di aceto balsamico (che rimarrà nel fondo sopra le acciughe);
  4. quando la cipolla sarà disfatta unire le sarde sgocciolate, un bicchiere di vino bianco e lasciar andare sempre a fuoco basso rimestando con un mestolo di legno di tanto in tanto fino a che si saranno sciolte; a questo punto aggiungere qualche macinata di pepe nero;
  5. cuocere i bigoli al dente (12 min.) in abbondante acqua salata (1 litro ogni 100 grammi di pasta) con un goccio di aceto bianco, scolarli grossolanamente con un mestolo per spaghetti direttamente nel tegame contenente la salsa;
  6. saltare i bigoli per uno o due minuti con un mestolo di acqua di cottura e servire con una macinata di pepe nero e del prezzemolo tritato finemente;
  7. gustare con un buon calice del vostro vino bianco preferito;
  8. buon appetito da viagenovaquaranta! 😀

Note: Per preparare questa ricetta abbiamo felicemente utilizzato il tegame della linea Green Line di Ballarini.

Annunci

pastasciutta acciughe e noci..


Pastasciutta, pastasciutta e ancora pastasciutta…non so se si è capito ma qui in viagenova siamo appassionati di prime portate.

Qui le istruzioni per riprodurre la buonissima pastasciutta che abbiamo preparato ieri.

Ingredienti:

  • mezza cipolla
  • 200 grammi di schiaffoni o pasta simile (paccheri)
  • olio extravergine d’oliva
  • peperoncino
  • acciughe in quantità a piacere (senza esagerare)
  • una decina di noci
  • pangrattato a piacere

Preparazione:

  1. Preparare un soffritto con la cipolla e il peperoncino
  2. aggiungere le acciughe pulite e lavate accuratamente
  3. tritare grossolanamente le noci
  4. cuocere al dente la pasta e saltarla insieme agli ingredienti già preparati col soffritto
  5. tostare del pangrattato a parte e spolverarlo sulla pastasciutta appena saltata
  6. servire con un filo d’olio a crudo
  7. buon appetito! 🙂

Con questa ricetta partecipiamo al Contest per Bene di oggi pane e salame, domani…

insalata di arance rivisitata…..


Tipico esempio della sana cucina “povera” dei contadini d’un tempo, questa insolita insalata (di volta in volta primo piatto, contorno ai formaggi e alle uova, intermezzo, colazione, merenda) va adottata senza indugi dai naturisti e dai crudisti per la sua leggerezza e la sua ricchezza di elementi vitali. Si usano delle grosse arance dolci e ben mature, possibilmente dalla buccia fina, e della varietà sanguigna. Dopo averle sbucciate e pelate della pellicina bianca (pelatura a vivo), si tagliano a fette tonde e sottili, si privano dei semi e si adagiano in una pirofila. Si condisce con succo di limone emulsionato con olio extravergine d’oliva, sale integrale fino, aglietto tritato abbondante, qualche pizzico di zenzero in polvere, qualche rondella di cipolla dolce tagliata sottilissima, alcuni pezzetti di olive nere e di acciughe sott’olio, pinoli e noci, semi di finocchio tritati e prezzemolo tritato sottile affinché sprigioni il suo aroma…é bene prepararla qualche ora prima così che  i sapori si amalgamino..Gustatela..è appettitosa e stuzzichevole!

Con questa insalata partecipiamo al Contest per Bene del blog “oggi pane e salame, domani…”

Questo è un contest diverso dal solito; l’obiettivo è sensibilizzare e creare una raccolta di ricette pensate apposta per aiutare  le donne colpite da una dolorosa malattia femminile poco conosciuta e purtroppo molto diffusa: l’endometriosi. L’alimentazione è di fondamentale importanza per le donne colpite da questa malattia e ci sono degli alimenti che si devono evitare per ridurre i dolori derivanti da essa.

Genericamente si devono evitare: latticini, carne rossa, caffeina, alcool, cioccolato, grassi saturi, burro e margarina, bevande ad alto contenuto di zucchero, carboidrati raffinati, olii vegetali. Insomma bisogna ridurre drasticamente l’assunzione di grassi animali e vegetali. Via libera invece ad alimenti come: cereali integrali, pasta, riso, legumi, tonno, pesce azzurro, noci (ricche di vitamina B6 utile nel controllo degli estrogeni) e verdure.

Qui alcuni link utili: A.P.E. Onlus, A.I.E, Endometriosi Wikipedia, Endometriose.

inoltre partecipiamo anche al contest gli agrumi de il ricettario di cinzia.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: