Asparagi in pirottino


Un piatto di stagione…l’asparago. Conosciuto e utilizzato già oltre 2000 anni fa da Egizi e Romani che oltre ad apprezzarlo per le sue qualità gastronomiche ne riconoscevano anche gli aspetti medicinali; il suo effetto diuretico noto a tutti risulta benefico nei confronti di gotta, calcoli renali, edema e reumatismi.

Ingredienti:

  • asparagi q.b. (dipende dalla dimensione, si calcoli circa due cucchiaiate di asparagi tagliati a rondelle per persona);
  • 6 uova (per 5 pirottini);
  • parmigiano grattugiato (una cucchiaiata a testa)
  • pan grattato
  • olio
  • panna da cucina
  • sale
  • pepe nero

Preparazione: 

  1. curare e lavare gli asparagi;
  2. tagliarli a rondelle piccoline (a piacere, come più vi piace);
  3. saltarli qualche minuto in padella con un cipollotto tritato finemente e un filo d’olio buono;
  4. in una terrina sbattere le uova con due pizzichi di sale e una bella macinata di pepe;
  5. una volta che gli asparagi sono pronti metterne una cucchiaiata abbondante dentro ad ogni pirottino;
  6. poi versare un cucchiaio di panna e un’altra cucchiaiata di asparagi;
  7. per ultimo versare il composto con le uova sbattute fino a riempire ogni pirottino;
  8. cospargere con il parmigiano grattugiato, un po’ di pan grattato e un filo d’olio buono;
  9. sistemare i pirottini dentro una teglia per lasagne e riempire d’acqua fino ad oltre la metà dell’altezza dei pirottini;
  10. infornare a 150-180 gradi per circa una mezz’ora (fino a che non si forma la crosticina dorata in superficie);
  11. sfornare e gustare…
  12. buon appetito! 😀

Zucchine ripiene vegetariane….


Eccoci qui tornati dalle ferie…..Ahhhh via genova! è stata un’estate intensa ed ora con la ripresa dell’anno accademico siamo stati un po’ occupati..

Ingredienti (per 4 zucchine):

  •     4 zucchine tonde
  • 2 panini al latte raffermi
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 bicchierino di vernaccia
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio intero
  • due cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo
  • una grattugiata di noce moscata
  • sale

Preparazione

  1. Tagliare il picciolo (servirà poi come coperchio) e svuotare le zucchine con uno scavino lasciando un bordo di circa mezzo centimetro. Tenere da parte la polpa.
  2. Salare l’interno delle zucchine scavate e capovolgerle.
  3. Immergere il pane raffermo nel latte.
  4. Preparare un soffritto con la cipolla tritata finemente e uno spicchio d’aglio intero (che poi andrà rimosso) e aggiungervi la polpa delle zucchine. Far saltare per qualche minuto e sfumare con la vernaccia, salare e continuare la cottura sino a quando le zucchine non sono morbide sul punto di disfarsi.
  5. A fuoco spento aggiungere il pane ammollato nel latte, il parmigiano, l’uovo e la noce moscata.
  6. Riempire con questo mix le zucchine e metterle in forno a 200°C per 40 minuti circa.
  7. Sfornarle e servirle tiepide.

Buon appetito!

Viagenovaquaranta.
fonte : http://dandoliva.blogspot.com/2009/05/zucchine-tonde-con-ripieno-vegetariano.html

riso venere al radicchio rosso e funghi porcini…


Non abbiamo resistito e subito abbiamo voluto testare qualche prodotto di Ballarini….abbiamo pensato ad un risotto..col radicchio e i funghi porcini. 🙂

Ingredienti:

  • una cipolla
  • un radicchio rosso di Chioggia
  • olio extravergine d’oliva
  • brodo vegetale 1 lt circa
  • funghi porcini in quantità a piacere
  • 500 gr. di riso venere

Preparazione:

  1. preparare un soffritto con la cipolla (a piacere aggiungere anche peperoncino)
  2. aggiungere il radicchio, due mestoli di brodo e chiudere con un coperchio e lasciar cuocere così per qualche minuto
  3. aggiungere il riso e tostarlo per bene unno o due minuti
  4. aggiungere i funghi porcini tagliati a tocchetti
  5. sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco
  6. aggiungere il brodo man mano che viene assorbito fino a cottura ultimata
  7. servire con una spolverata di pepe bianco
  8. Buon appetito! 😀
  9. vino consigliato: Pecorino

Con questa ricetta partecipiamo al Contest per Bene del blog Oggi pane e salame, domani…

La casseruola di Ballarini ha superato la prova. Eccellente. Lo spessore contribuisce al mantenimento della temperatura ad un livello costante durante la cottura del riso. Il rivestimento antiaderente è molto resistente e di facile pulizia. Consigliata.

Alla prossima ricetta,

Viagenovaquaranta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: